Funky Wedding

Il mio primo premio!!!

Ho vinto il mio primo premio, evviva!!!
Francesca Favotto, giornalista e blogger di style.it, nonché mia amica prima virtuale e poi in carne e ossa, mi ha premiata come “Very inspiring blogger” nei suo blog Duemilaecredici e We for Wedding. Eh insomma mica male!!! Che grande onore per questo giovane blogghettino! Questo premio è un modo per fare “rete” promuovendo i blog che più piacciono e consiste nel raccontare 7 cose su di noi e assegnare il premio a 15 blogger che seguiamo e che hanno meno di duecento followers, comunicandolo nei loro blog. [Ehm, non ho propriamente rispettato la regola dei duecento followers, nel senso che ho deciso di mettere solo i blog che mi piacciono a prescindere da quanto siano conosciuti.]
Ecco le 7 cose su di me:
1. Ho studiato Design della Moda, seguendo quella che è sempre stata una mia grande passione. Tutti mi dicevano “Ma va!!! Ma che fai??? Vai a raccogliere le fragole? Non troverai mai lavoro poi! Dovresti iscriverti a medicina/ingegneria/architettura/giurisprudenza!!!”. Con tutto il rispetto per queste bellissime professioni, ma no, no grazie. Non sono fatta per quello. Se vedo anche solo un’unghia spezzata potrei svenire sul momento. Vi sembra che avrei mai potuto fare il medico??? Senza contare che matematica non è decisamente mai stata la mia materia preferita (non per niente la mia frase prediletta della canzone “Notte prima degli esami” di Venditti è sempre stata “La matematica non sarà mai il mio mestiere!”). Al contrario mi sono sempre trovata molto bene con una matita in mano. Inoltre la moda mi ha sempre affascinata. Sarà che sono cresciuta tra macchine da cucire e fili, nella parte più “ruvida” della moda. Quella produttiva. Quella in cui ti pungi le dita ed è tutta una questione di millimetri, perché se sbagli di qualche millimetro hai sbagliato tutto il modello.
2. Ho deciso di aprire un atelier di abiti da sposa per due motivi ben precisi. Il primo è che ci sono cresciuta. Magari qualcuno di voi lo saprà già, ma io ho appreso questa antica arte da mia madre, che ha lavorato per moltissimi anni come sarta modellista di abiti da sposa. E mi ricordo, da bambina, quando mi trovavo immersa in moltissimi abiti e sgranando gli occhi pensavo “Ohhhhhh” (sì, pensavo proprio questo). Da qui l’idea di indirizzare la mia passione per la moda verso gli abiti da sposa.
Il secondo motivo è che…posso dirlo? Molti degli abiti in circolazione non mi piacevano. Mi spiego: pensavo tra di me “Se mi dovessi sposare, non saprei proprio cosa scegliere”. Ci sono molti stilisti bridal che mi piacciono, la maggior parte di loro però non sono italiani. Ad esempio ho un vero e proprio debole per Jenny Packham. Però il discorso è sempre quello: siamo in Italia, perché dobbiamo ancorarci sempre alla tradizione e non creare qualcosa di innovativo? Perché pensare che certe cose siano possibili solo negli USA o in Inghilterra??? E così, ho iniziato. E spero di riuscire a dare qualcosa di diverso.
3. Sono alta (!) 1.54. Eh già. Sono sempre stata la piccolina, quella tascabile, quella bassa. Mi consolo pensando che anche Scarlett Johansson, Salma Hayek e Christina Aguilera sono mignon. Evviva le basse! (senza offesa per le ragazze alte, ma almeno ci consoliamo).
4. Sono negata a cucinare. Ve lo giuro. Sono negata. Più che altro penso che il motivo sia che anche se ho molte passioni (come quelle di cui vi ho parlato prima), purtroppo quando si era in fila per la passione per cucinare, io ero in fila per altro (non per l’altezza, di sicuro). Ad esempio, ora molte persone si cimentano con il cake design. Beh la cosa più vicina al cake design che io abbia mai fatto è un salame al cioccolato dolce. Conta? Però sono una grande assaggiatrice, per cui se qualcuno ne avesse bisogno, io mi offro volontaria! :)
5. Ho un’insana passione per pois, maculato, zebrato, righe, zig-zag…insomma tutti i pattern possibili. Mi piace molto unirli e creare dei mix di tessuti che nessuno si aspetterebbe mai. In un impeto di follia (!) ho comprato un paio di leggings maculati che adoro e che quando indosso mi attirano più di uno sguardo. Però insomma, sono davvero bellissimi, per cui viva la libertà, abbasso il conformismo!!!
6. Vorrei riempire una libreria. E una scarpiera, contemporaneamente. Faccio questa affermazione perché voglio sfatare il mito dell’amante di moda stupida e poco letterata. Eh beh, mi piacciono le scarpe, e quindi? Questo non toglie che un buon libro rimanga la mia compagnia preferita, e che nella mia futura casa mi piacerebbe avere una di quelle librerie che vanno dal pavimento al soffitto (ma anche una cabina armadio alla Carrie Bradshaw).
7. Sono fiera di essere italiana. Io che faccio parte della generazione “Me ne vado perché questo paese non ti capisce”. Ed è vero che non ti capisce, perché a volte, per quanto ce la metti tutta, è difficile farcela. Ma ragazzi, qui è nata la moda. Credo che pochi paesi possano essere paragonati a noi. Io voglio continuare a crederci. Lo voglio.
Ed ora, ecco i blog che più mi piacciono!
Funky Wedding is on
Facebook   |   Bloglovin   |   Twitter 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *